Italiano Español Nederlands Français
Home arrow America Latina ▸ arrow Vita della parrocchia di Ypacaraí arrow La struttura della Messa è la struttura della vita/2
Stampa Segnala a un amico


Vita della parrocchia di Ypacaraí





LA STRUTTURA DELLA MESSA È LA
STRUTTURA DELLA VITA/1

Pascua Joven 2019 a Ypacaraí


TESTIMONIANZE

 

 

María de los Angeles

Per me la Pascua Joven è stata un momento importante di incontro, ma anche di approfondimento. Con i due film che abbiamo visto abbiamo avuto l'opportunità di riflettere su un problema importante per noi giovani: lo spessore e la difesa della nostra fede. Molte volte ci si presentano situazioni che mettono alla prova la nostra fede tanto che ci sentiamo incapaci di difenderla. È in quel momento che dobbiamo seguire l'esempio di san José Sanchez del Rio che, senza preoccuparsi delle conseguenze, non ha esitato ad agire come la sua fede e la sua coscienza gli suggerivano, pur a costo di gravi sofferenze e della stessa vita. Del medico Giuseppe Moscati abbiamo potuto apprezzare la scelta dettata dall'amore per gli altri: il servizio agli emarginati della società, quelli che per non aver nulla, o per avere qualche handicap o malattia grave, sono esclusi e trattati come animali. Giuseppe non esitò a lasciare dietro di sé il lusso e tutte le sue ricchezze, per cercare di aiutare qualcuno di loro. Questo è un monito per noi giovani che spesso siamo troppo attaccati alle cose materiali e incapaci di vedere le necessità del prossimo; come spesso siamo egoisti e chiediamo sempre di più. Quanto abbiamo ascoltato e visto nella Pascua Joven mi ha aiutato a guardare dentro me stessa per cercare di cambiare gli atteggiamenti sbagliati e trovare il modo di seguire l'esempio di umiltà, obbedienza e perseveranza dei due Santi che abbiamo conosciuto.

Oscar

 È stata la prima volta che ho partecipato alla Pascua Joven della parrocchia, dove quest'anno mi preparo per la Cresima, anche cantando e suonando nel coro, e per me è stata un'esperienza bella e interessante. Mi sono sentito rinnovato fin dall'inizio di questi incontri, perché non immaginavo di vedere tanti giovani gioiosi e animati dalla loro fede in Dio. Credo che tutto ciò sia dovuto anche alla ottima organizzazione e al fatto che tutti i membri della Comunitá Redemptor hominis della nostra parrocchia sono riusciti a raggiungere in maniera incredibile gli adolescenti e i giovani che, generalmente sono il pubblico più difficile da raggiungere. Tutti gli organizzatori hanno collaborato per farci stare bene in ogni momento, senza cercare niente in cambio, e per qualsiasi necessità o dubbio erano presenti senza alcuna esitazione, disponibili e fraterni. Grazie ai film che abbiamo visto, alle conferenze, ai canti, ai momenti di preghiera e alle celebrazioni, sono convinto che ci stavamo avvicinando un po' più a nostro Signore, perché abbiamo gustato ogni momento con molta serietà e, nello stesso tempo, con grande allegria, divertimento e passione. Si vedeva chiaramente che noi giovani eravamo interessati a tutte le attività proposte e agli spazi di dialogo tra noi: infatti, ci hanno permesso di conoscere nuove persone, di creare nuove amicizie che nell'ambiente Chiesa sono molto più sane, prospere e durature. Sono sicuro che questo appuntamento annuale sarà sempre più apprezzato, perché aiuta ad avvicinare la gioventù all'ambito religioso e a riflettere su temi importanti per la nostra vita, allontanandoci da tante cose negative o distruttive che ci propone la società di oggi.

Juan José

Non è la prima volta che partecipo alla Pascua Joven. Ho già fatto la Cresima e frequento regolarmente la parrocchia, perché mi sono impegnato a suonare la chitarra per animare la Messa quotidiana. Questa proposta di incontro per i giovani, che coincide con il Triduo Pasquale, rimane per me un momento importante a cui partecipo con grande piacere. Per me, anche quest'anno le attività realizzate in parrocchia sono state molto valide ed efficaci, perché vi hanno partecipato tanti giovani che si sono entusiasmati e si sono resi attivi, si sono sentiti utili, inseriti, partecipi e importanti, come in una grande famiglia. I film che abbiamo visto ci hanno aiutato a interrogarci e a riflettere su cose essenziali per la nostra vita e le nostre scelte: su cosa sia importante e duraturo o, invece, sia superfluo e ingannevole. Anche la riflessione e il video che abbiamo condiviso sulla Messa ci hanno permesso di capire meglio gli avvenimenti del Triduo Pasquale: come il sacrificio di Gesù sulla croce sia lo stesso sacrificio che celebriamo ogni volta che partecipiamo alla Messa. Se ci rendiamo conto di questo, comprendiamo perché ci sia chiesto di partecipare alla Messa della domenica in silenzio e con attenzione e rispetto, senza cellulare, senza masticare chewing gum e con devozione. Infine devo dire che, benché abbia apprezzato molto tutto l'aspetto liturgico della Pascua Joven, la celebrazione del Giovedì Santo è stata per me unica ed emotiva: mi sono sentito privilegiato, onorato e molto grato, perché sono stato scelto come uno dei dodici rappresentanti degli Apostoli a cui sono stati lavati i piedi.


 

(A cura di  Emanuela Furlanetto)



16/05/2019

 
Sito della Comunità missionaria Redemptor hominis